Schermata 2017-06-06 alle 11.08.29

Corso ACCREDITATO dall’ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA con ID 24634, 45 crediti formativi – 0 crediti deont/ ordinam. profess.

Siamo professionisti con specializzazioni differenti e un’idea in comune: i conflitti che viviamo nella quotidianità possono essere fonte di grandi problematiche, ma se gestiti ed elaborati, diventano un’occasione di crescita. Per affrontarli servono competenze specifiche. Gestiamo la conflittualità sia in ambito sociale che aziendale, incoraggiando il dialogo e la collaborazione. Promuoviamo la diffusione della cultura della mediazione all’interno di imprese, istituzioni, scuole, università, centri di ricerca, istituti penitenziari.
Offriamo servizi di formazione e consulenza sui temi della comunicazione e gestione dei conflitti rivolti al personale di aziende ed enti pubblici.

Idea Progettuale
Diventare mediatore: comprendere e gestire i conflitti.

Il conflitto è un aspetto che caratterizza la nostra vita e può essere una leva importante di crescita e cambiamento. L’obiettivo del corso di formazione è quello di fornire gli strumenti per prevenire, gestire e mediare le dinamiche dei conflitti interpersonali. Diventare un mediatore di conflitti è innanzitutto un percorso personale: bisogna imparare ad uscire dalle situazioni di sofferenza per approdare ad un nuovo equilibrio. Solo questa comprensione permette di rielaborare e mettere in condivisione la propria esperienza personale e professionale.

Destinatari
• Persone interessate ad approfondire la conoscenza degli strumenti di analisi e gestione dei conflitti interpersonali.
• Responsabili e coordinatori che gestiscono personale all’interno di aziende.
• Operatori che lavorano nell’ambito dei servizi socio-sanitari ed educativi, della relazione d’aiuto.

Tempi
Il percorso formativo si articola in 10 moduli della durata di 12 ore ciascuno, dal 6 Aprile 2018 al 29 Marzo 2019.
• 8 di teoria e pratica della mediazione dei conflitti tenuti da mediatori
• 2 di approfondimento in gruppo delle dinamiche che ciascuno attiva nei conflitti personali (uno a metà corso e uno a conclusione) tenuti da psicoterapeuta esperta.

La formazione sarà integrata da un’attività di tutoraggio della durata di 26 ore. Il tutoraggio è organizzato nella seguente maniera: i tutor divideranno i partecipanti in piccoli gruppi e, in tre momenti diversi dell’anno di formazione (all’inizio, a metà e alla fine), daranno a ciascuno dei compiti da svolgere autonomamente. Questi faciliteranno l’approfondimento di temi di interesse e l’elaborazione del lavoro finale.
A conclusione del percorso (luglio 2018) è prevista una giornata di discussione degli elaborati (4 ore).
Il monte ore d’aula è di 124 ore.
Il monte ore complessivo è di 150 ore.
I moduli si svolgeranno a cadenza mensile da Aprile 2018 a Marzo 2019: il venerdì dalle 14.30 alle 18.30 e il sabato dalle 9.30 alle 13.30 e dalle 14.30 alle 18.30.
Il corso avrà inizio con minimo 15 partecipanti

Obiettivi
• Implementare competenze relative all’analisi, gestione e mediazione di conflitti interpersonali.
• Formare al ruolo di mediatore dei conflitti.

Metodologia
La teoria della mediazione dei conflitti alla quale Mediando si riferisce, intreccia varie scuole di pensiero:
• Mediazione umanistica di J. Morineau
• Tecniche di negoziazione di Roger Fisher, John Haynes e William Ury
• Approccio centrato sulla persona di Carl Rogers
• Comunicazione Efficace del metodo Gordon
• Analisi emotivo comportamentale Metodologia NeuroComScience
• Metodo maieutico di Danilo Dolci
• Comunicazione non violenta di Rosenberg
• Gestione non violenta del conflitto di Pat Patfoort.

La formazione si basa su un approccio interattivo,che promuove la partecipazione del gruppo attraverso role-playing ed esercitazioni, tecniche e improvvisazioni teatrali, proiezioni di video, meditazioni guidate.

La formazione sulla teoria e pratica della mediazione si articola in tre sezioni differenziate e collegate fra loro:
1) Una sezione teorica di 4 ore (venerdì pomeriggio).
2) Una sezione pratica, di esercitazioni sul tema in oggetto, sempre di 4 ore (sabato mattina).
3) Una sezione di lavoro sulla mediazione, sabato pomeriggio.
In ogni modulo sarà dedicato uno spazio specifico alla mediazione, sperimentandola fin da subito e per tutta la durata del corso, in modo da acquisire una buona familiarità con essa.
Al fine di conseguire l’attestato di frequenza e il materiale relativo al corso è necessario:
• seguire almeno 70% del monte ore d’aula
• elaborare e discutere una tesina sui temi afferenti al corso concluso il corso di 10 moduli.

Docenti per i moduli di mediazione dei conflitti:
Samuele Mollicone, Marcella Stermieri, Francesca Vaccari, Rossella Benedicenti

Articolazione del progetto

Di seguito il dettaglio dei contenuti didattici del corso di teoria e pratica della mediazione.

 


 

Modulo 1 IL CONFLITTO INTERIORE 

6-7 Aprile 2018 –  docente Dott.ssa Rossella Benedicenti

Argomenti
• cos’è il conflitto
• elementi del conflitto interiore
• il ruolo delle emozioni nel conflitto
• emozioni primarie e secondarie
• cosa accade nel nostro cervello, centri emotivi ed esecutivi (il ruolo dell’amigdala e dei lobi prefrontali)
• sequestro emotivo e padronanza di sé (reazioni distruttive e autocontrollo)
• l’espressione delle emozioni
• le emozioni che possono presentarsi in mediazione
• la relazione fra emozioni, pensieri, comportamenti.

 


 

Modulo 2 IL CONFLITTO INTERPERSONALE

11-12 Maggio 2018-  docente Dott. Samuele Mollicone

Argomenti

• La dinamica proiettiva come passaggio dal conflitto interiore al conflitto interpersonale.
• Come nasce il conflitto interpersonale.
• Differenza di mappe, valori, interessi, bisogni.
• Varie tipologie di conflitto.
• Soggetti del conflitto.
• Fasi del conflitto.

 


 

Modulo 3 LA COMUNICAZIONE EFFICACE

22-23 Giugno 2018 – docente Dott. Samuele Mollicone

Argomenti

• Il concetto di mappa.
• La costruzione della mappa (cancellazione, distorsione, generalizzazione).
• I livelli della comunicazione (verbale, para-verbale e non verbale).
• Sistemi rappresentazionali (visivo, auditivo, cinestesico).
• Segnali di gradimento e rifiuto.

 


 

Modulo 4 – LA COMUNICAZIONE NON VIOLENTA: Ascoltarsi ed esprimersi

21-22 Settembre 2018 – docente Dott.ssa Francesca Vaccari

Argomenti
• Discernere l’osservazione dei fatti dal giudizio (cosa vedo).
• Esprimere il proprio vissuto emotivo (cosa sento).
• Esprimere i propri bisogni (cosa desidero/di cosa avrei bisogno).
• Accettare il principio di realtà (le risorse dell’altro e del contesto).
• Aprirsi alla negoziazione.
• I meccanismi della violenza nei processi di comunicazione (la dinamica maggiore-minore).

 


 

Modulo 5 LA COMUNICAZIONE NON VIOLENTA: Ascoltare l’altro e aiutarlo ad esprimersi 

26-27 Ottobre 2018 – docente Dott.ssa Francesca Vaccari

Argomenti

• Accogliere e accettare l’altro.
• Cosa vede e cosa sente l’altro.
• Facilitare nell’altro l’espressione di emozioni/sentimenti/bisogni e proposte.
• Stare nella relazione.


 

Modulo 6 L’ASCOLTO ATTIVO ED EMPATICO

23-24 Novembre 2018 – docente Dott.ssa Rossella Benedicenti

Argomenti

• I filtri che influenzano l’ascolto.
• Aprirsi all’altro (accoglienza, accettazione, incontro).
• L’ascolto attivo (attenzione, presenza, individuazione del messaggio-chiave).
• Ascoltare il corpo (vedi messaggi di gradimento e rifiuto).
• L’ascolto empatico (individuazione e rimando dei vissuti emotivi e dei bisogni).
• Le domande importanti (specificazione, raccolta informazioni, domande aperte e chiuse).
• Parafrasare, rispecchiare, chiarire, riassumere.

 

>PRIMO APPROFONDIMENTO PRATICO: Conflitti Personali

14-15 Dicembre 2018 – docente Dott.ssa M.Antonietta Milazzo

La relazione con i nostri genitori è la base di tutte le nostre relazioni future, la porta attraverso la quale il mondo si è manifestato a noi. Rappresenta anche un modello, un nucleo originario nel quale si è cristallizzato il difficile equilibrio fra appartenenza e autonomia. Il corso si propone di aiutarci a guardare al rapporto coi genitori ampliando il nostro punto di vista per scoprire nuove risorse in termini di reale autonomia e per la realizzazione di sé.  Armonizzando le figure genitoriali interne anche la nostra capacità di comprendere e intervenire sulle conflittualità esterne (con i singoli e con i gruppi) migliora, si potenzia e si radica in un più profondo senso di identità personale.

• I filtri che influenzano l’ascolto.
• Introduzione all’attaccamento come base delle nostre relazioni affettive
• Esercizi di contatto, centratura e di riconoscimento.
• Immaginazioni guidate.
• Approfondimento delle dinamiche emerse attraverso medium espressivi vari.
• Espressione e integrazione degli aspetti conflittuali.
• Condivisione finale relativa ai propri vissuti e scoperte

 


 

Modulo 7 MODELLI DI MEDIAZIONE E IL PROCESSO DI MEDIAZIONE

18-19 Gennaio 2019 – docente  Dott.ssa Marcella Stermieri

Argomenti

• Cos’è la mediazione dei conflitti.
• Il ruolo del mediatore.
• Tipologie di mediazione (sociale, penale, familiare, civile-commerciale).

Argomenti

• Il percorso di mediazione sociale.
• Gli strumenti della mediazione (lettere, moduli privacy, etc).
• Il processo della mediazione.

1) analisi e valutazione della situazione (presa in carico/orientamento);
2) contatto con la parte richiedente e con la parte invitata;
3) gli ascolti separati;
4) preparazione alla mediazione;
5) l’incontro di mediazione;
6) valutazione della mediazione.

 


 

Modulo 8 L’INCONTRO DI MEDIAZIONE  

22-23 Febbraio 2019 – docente Dott.ssa Marcella Stermieri

Argomenti

• Modalità di conduzione di un incontro di mediazione.
• Apertura dell’incontro (presentazione e regole).
• Narrazione delle singole storie.
• Sintesi e rimandi emotivi del mediatore.
• Il cuore della mediazione (individuazione dei vissuti emotivi e dei bisogni).
• Esplicitazione della posta in gioco (limiti e risorse).
• Sintesi e rimando emotivo del mediatore.
• Mediazione e/o negoziazione.
• Chiusura dell’incontro (sostenibilità degli accordi e condivisione degli obiettivi futuri).

 

> SECONDO APPROFONDIMENTO PRATICO: Conflitti Personali

8-9 Marzo 2019 – docente Dott.ssa Marina Gabellini

Cosa sono le costellazioni familiari:

La relazione con i nostri genitori è la base di tutte le nostre relazioni future, la porta attraverso la quale il mondo si è manifestato a noi. Rappresenta anche un modello, un nucleo originario nel quale si è cristallizzato il difficile equilibrio fra appartenenza e autonomia. Il corso si propone di aiutarci a guardare al rapporto coi genitori ampliando il nostro punto di vista per scoprire nuove risorse in termini di reale autonomia e per la realizzazione di sé.  Armonizzando le figure genitoriali interne anche la nostra capacità di comprendere e intervenire sulle conflittualità esterne (con i singoli e con i gruppi) migliora, si potenzia e si radica in un più profondo senso di identità personale.

• Introduzione all’attaccamento come base delle nostre relazioni affettive
• Esercizi di contatto, centratura
• Costellazione Familiare

 

 > Discussione delle tesine

29 Marzo 2019 – docente Dott.ssa Marcella Stermieri

 

Per Informazioni scrivere una mail oppure chiamare il numero sotto indicato.

buttton-iscrizione icona mail icona telefono 389 0929342

Percorso formativo annuale € 1370,00